funghi:

Schede tecniche

 

Boletus purpureus

 

Da "purpureus" (lat.) = purpureo. Per il colore del cappello e dei pori.

Cappello 5-20 cm. carnoso, sodo, in principio emisferico poi molto convesso. che si apre tardivamente: macchiato di rosso-sangue nerastro, al tocco diventa blu si da dare al fungo un aspetto sordido; cuticola finemente sericea e vellutata. margine in principio involuto poi aperto, qualche volta lobato.
Pori piccoli, arrotondati o angolosi, rosso-sangue scuro, che diventano blu al tocco
Tubuli lunghi, liberi o arrotondati al gambo; giallo dorati poi giallo-olivastri, che diventano blu al minimo tocco.
Gambo 8-18x2-5 cm. generalmente grosso e bulboso, talvolta solo cilindrico; ricoperto da un reticolo fittissimo, rosso, che lo colora in tutta la superficie.
Carne colore giallo-fulvo ma che al taglio vira istantaneamente al blu per divenire rosso porpora scuro dopo alcune ore; spessa, soda. Odore di frutta, acido, forte. Sapore dolce.
Habitat boschi soleggiati di latifoglia, soprattuto sotto faggi, querce, ecc., in terreno calcareo. Estate-autunno.
Grado di tossicità è fungo sospetto di provocare sindrome gastrointestinale

OSSERVAZIONI:

 

Clikka sull'immagine per ingrandire

 

torna sù