funghi:

Schede tecniche

 

Cortinarius orellanus

  Da "Bixia orellana" = erba che secerne un liquido giallo-arancio. Per il suo colore.
Cappello 3-8.5 cm., dapprincipio quasi emisferico poi aperto con umbone appena accennato, carnoso solo al centro umbonato, nel restante caratteristica- mente a carne molto sottile; finemente ricoperto da squame quasi granuliformi; rosso-arancio o brunastro-fulvo con tonalità rosse, qualche volta anche più scuro; margine sottile, dapprincipio involuto poi aperto, piuttosto ondulato, spesso con spaccature. Asciutto
Lamelle spaziate, mediamente larghe, piuttosto grosse, arrotondate o leggermente decorrenti al gambo; da zafferano a rosso ruggine.
Gambo 4-8x0,5-1,2 cm, sodo, pieno, quasi cilindrico, leggermente attenuato alla base, giallo poi giallo-ruggine, liscio, finemente fibrinoso. Cortina gialla, chiara, evanescente.
Carne da gialla a fulva; ruggine sotto la cuticola del cappello. Odore leggero di radice. Sapore dolciastro (assaggiare ed espellere il tutto).
Habitat nelle foreste di latifoglie, raramente di aghifoglie, in terreno sabbioso, siliceo. Raro in Italia. Agosto-ottobre.
Grado di tossicità VELENOSO MORTALE provoca sindrome citotossica a lunga incubazione, soprattutto a carico dei reni.

OSSERVAZIONI: È un fungo la cui tossicità ad esito mortale è stata accertata molto recentemente dopo un avvelenamento massiccio in Polonia. I suoi effetti si manifestano anche dopo 3-14 giorni di incubazione.

 

Clikka sull'immagine per ingrandire

 

torna sù